Abruzzo - Campli

campli, abruzzo

Importante feudo di varie famiglie a partire dal XII sec, raggiunse il massimo splendore dal 1538 al 1734, sotto il dominio della famiglia Farnese, tanto da assumere un'importanza tale da essere considerata superiore alla città di Teramo.

La decadenza delle città avvenne dapprima intorno al Settecento, a causa delle devastazioni delle truppe napoleoniche e venne aggravandosi nel 1860 a causa di un saccheggio delle milizie borboniche.

Da segnalare la Chiesa di S. Paolo con la famosa Scala Santa, così denominata poichè dopo il 1776 si diffuse l'usanza di concedere l'indulgenza a coloro che la salivano in ginocchio, il Palazzo Comunale, la Chiesa di S. Maria in Platea, la Chiesa di S. Francesco d'Assisi, il Palazzo Farnese.

Nelle immediate vicinanze, in aperta campagna, si segnalano la splendida chiesa di S. Pietro in Campovalano e la notevole necropoli, situata nella pianura di Campovalano. Feste e fiere: 22 Agosto, Sagra della porchetta italica; 1° settembre Festa della Madonna.

Itinerario culturale

Museo Archeologico Nazionale

All’interno del Museo sono custoditi i corredi funerari della vicina necropoli di Campovalano, dove sono state rinvenute 610 sepolture di una cronologia compresa tra la prima età del ferro e la romanizzazione (IX-III sec a. C.). Le sepolture maschili sono caratterizzate da armi in ferro e bronzo, quelle femminili da splendide parures di fibule in bronzo, denti di cinghiale, manine in bronzo, collane di ambra e pasta vitrea. Notevole la ricostruzione di una sepoltura principesca con notevoli elementi di corredo.

-